Contaminazione. Con questa parola mi si è presentato l’artista Marco Randazzo davanti a un caffè gustato – casualmente – nel cuore della città esagonale.