Nel pieno degli anni Sessanta gli studenti italiani ebbero per la prima volta l’occasione di leggere, nella loro lingua, lo scritto di Walter Benjamin dal titolo “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica”.